Edicola di San Michele Arcangelo

Dal 13 maggio 2012 un  quadro raffigurante San Michele Arcangelo è stato posizionato all’interno di un’edicola votiva in legno, a 1.300 metri di quota, proprio vicino ad una fonte, nello stesso luogo che avrebbe visto in sogno dal sig. Salvo Valenti a cui sarebbe apparso più volte l’Arcangelo, invitandolo a deporre nei pressi di una sorgente sulle Madonie, un quadro che lo ritrae. Accanto al dipinto, inoltre, si può leggere il “dettato” che Valenti avrebbe ricevuto da San Michele. Protagonista è Salvo Valenti originario di Palermo, e,  grazie alla sua intercessione, si sarebbero manifestati diversi eventi “miracolosi” da un capo all’altro della Sicilia tanto che il luogo è diventato meta di pellegrinaggio.

Cauta la Curia che a tal proposito ha precisato:
• nel territorio della nostra Diocesi, alle pendici di “Mont’Alto”, si sconosce la presenza di un Santuario dedicato a S. Michele Arcangelo come meta di relativi pellegrinaggi, di antica data o recente istituzione, che vedano la partecipazione di presbiteri o fedeli della Chiesa Cefaludense;
• tale “pellegrinaggio” è un’iniziativa di carattere esclusivamente personale, che risponde a possibili esigenze spirituali di singoli individui, comunque non concordate né approvate dall’Autorità Ecclesiastica competente;
• da quanto ci risulta, il sedicente “veggente”,  sig. Salvo Valenti, non è riconosciuto da nessuna realtà ecclesiale.

http://www.sanmichelearcangelopetralia.it/home.html

";